Gucci

Dalla pelletteria alla moda totale

Gucci

Guccio Gucci nasce a Firenze il 26 Marzo 1881. Muore a Milano il 2 Gennaio 1953. Il marchio Gucci è sicuramente un marchio che ogni italiano, e non solo, conosce molto bene. Guccio Gucci in gioventù trascorse alcuni anni lavorando al Savoy Hotel di Londra. Attraverso questa esperienza assorbì il gusto raffinato della nobiltà inglese.

Nel 1921 fondò un’azienda specializzata in prodotti in pelle e aprì un piccolo negozio di articoli da viaggio a Firenze, nella sua città natale. Porta in Italia questo tipo di sensibilità e traducendola in prodotti in pelle esclusivi, creati e realizzati dai migliori artigiani toscani. Nel giro di pochi anni, il marchio raggiunge un grande successo. Riesce ad attirare una clientela internazionale sofisticata che ne apprezza le collezioni di borse, bauli, guanti, scarpe e cinture ispirate al mondo equestre.

Da questo mondo derivano infatti i motivi del morsetto e della staffa, tuttora simboli della casa di moda e di un’estetica sempre più innovativa. Negli anni ‘40, di fronte alla carenza di materiali, dovuta all'autarchia che era stata imposta all'Italia nei difficili anni della dittatura fascista, Gucci si afferma come sinonimo di creatività e intraprendenza eccezionali.

Nasce in questi anni infatti la borsa “bambù”, che diventa il primo di numerosi prodotti icona di Gucci. Amatissima da dive e nobildonne, questa borsa è tuttora disponibile. Nel corso degli anni ‘50, la signature web verde-rosso-verde, ispirata al sottopancia della sella, incontra un grande successo e si conferma come uno dei tratti distintivi più familiari del marchio.

Con l’apertura delle boutique di Milano e New York, Gucci comincia ad affermarsi a livello globale, come simbolo di eleganza e raffinatezza. Dopo la sua morte i figli Aldo, Vasco, Ugo e Rodolfo proseguirono l'attività paterna e la fama del gruppo proseguì in ascesa. Il marchio Gucci continuò comunque a conquistare il mondo della moda e soprattutto negli anni Sessanta molti personaggi famosi scelsero le sue creazioni per le loro performance.

Per un periodo il marchio Gucci vide un relativo declino ma nel 1990 ci fu un importante svolta. Infatti entrò alla Gucci Tom Ford che seppe riconfermare l’importanza del marchio sia in Italia che all’estero. Oggi Frida Giannini è la direttrice artistica della maison.

Orologi Chiodo by Gucci

Orologi Chiodo by Gucci

Prendendo spunto dal mondo equestre degli anni’ 60, il direttore creativo Frida Giannini ha creato una linea di orologi elegante e raffinata. Il bracciale richiama la particolare forma dei chiodi utilizzati nella ferratura dei cavalli.

La collezione prevede due casse: quadrata e rotonda. I modelli sono proposti in oro, argento e acciaio. Le versioni più esclusive possono avere un quadrante in madreperla o impreziosite con diamanti montati sul quadrante e sulla cassa.

Correlazioni
  • Gucci ci offre anche una collezione pensata per le crociere e le vacanze su yacht and navi da sogno. Un uomo che ama il dettaglio raffinato, il lusso e il comfort.
  • Una gitana rock la donna proposta da Gucci per la sfilata autunno/inverno 2008-2009. Ricerca materica e richiami etnici sapientemente accostati alla cultura anni Settanta.
  • Femminile, romantica e sofisticata, ma percorsa da un brivido ruggente.
  • Il bad & good by Frida Giannini ha il volto chiaramente di Jean Paul Belmondo, divo del cinema francese ed europeo.
Rss Sfilate e collezioni moda
babele moda - vendita vestiti online
Minigonne - sexy style
stilisti moda

powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +